lunedì 5 settembre 2011

senza titolo1

Ho sbagliato parecchie cose, fatto errori di valutazione e generalmente compreso troppo tardi la realtà delle cose, o quantomeno una versione più oggettiva delle stesse. In questo momento non ho l’abilità di produrre una frase all’altezza della precedente, ma fondamentalmente non ho voglia di esternare quel finto malessere che in fondo ci pervade un po’ tutti. Probabilmente la verità è che si è disposti a fare qualunque cosa pur di rimandare gli impegni importanti; e il risvolto curioso è che forse proprio l’incapacità o la debolezza rendono gli uomini puntuali e affidabili.



Posta un commento