domenica 1 maggio 2016

Oroscopo di maggio

segni zodiacali
ARIETE
continui a non comprendere l’importanza delle tue mancate azioni, aumentando il valore delle stupidaggini altrui. Concediti un periodo di distaccamento dalla realtà.

TORO
preferisci commettere azioni positive e rimanere nell’anonimato piuttosto che il contrario; l’apparente saggezza del tuo agire non ti proteggera lo stesso dall’altrui giudizio.

GEMELLI
il tuo atteggiamento verso il prossimo non vuole risultare compromettente, ma appare di contro piuttosto distaccato; esalta le tue qualità migliori proseguendo sulla strada del disinteresse.

CANCRO
ti concedi troppo tempo per cose futili come la cura del prossimo e del conto in banca. Trasferisci le tue attenzioni sul tuo ego cercando di non compromettere definitivamente le attenzioni originali.

LEONE
permetti alla realtà di alterare il tuo stato d’animo in maniera determinante, perdendo il controllo delle tue idee; separa la tua mente dal resto con frequenza maggiore.

VERGINE
la distanza che ti separa dai tuoi obiettivi terreni aumenta ogni giorno di più, anche se fai di tutti per non rendertene conto. Approccia alla realtà con meno delicatezza e molto meno galateo.

BILANCIA
comprometti la rigidità delle tue convenzioni sociali facendo la fila fuori dai negozi alla moda; prova a non calcolare i tuoi sentimenti ed evita capi volgari.

SCORPIONE 
abusi della tua stessa pazienza in situazioni nelle quali non ricordi neanche perchè ti ritrovi; prenditi del tempo per smontare le tue sovrastrutture sociali e allontanarti dagli amici.

SAGITTARIO
Potresti utilizzare il tuo tempo in maniera più produttiva ma alla fine rischieresti di sperimentare una forma di senso di colpa del tutto nuova; decidi quale rischio correre.

CAPRICORNO
le tue migliori previsioni non combaciano minimamente con la realtà dei fatti. Esprimi i tuoi sentimenti con più veemenza e meno diplomazia, soprattutto con gli sconosciuti.

ACQUARIO
smetti di credere che le cose miglioreranno e comincia a macchinare malvage trame verso chi può condizionare la tua esistenza; lo perderai o si innamorerà di te.

PESCI
lascia perdere le frivolezze che la civiltà del consumo ti spara in faccia e concentrati sull’essenziale; la frivolezza è una condanno al rilassamento che adesso non puoi permetterti.

mercoledì 2 marzo 2016

Riassunto della settimana

La componente catastrofica che caratterizza il millennio che stiamo vivendo non accenna a nessun tipo di calo di intensità. I pericoli provenienti dal medio oriente, la migrazione di massa dalle zone di guerra, la desertificazione galoppante del pianeta (che lascia pensare che la migrazione di massa non sia dovuta solo alla guerra), la scarsità di risorse, il pericolo del terrorismo, il partito repubblicano statunitense, sono tutti fattori che concorrono ad alimentare un clima di disagio diffuso, solo marginalmente attutito dalla dilagante povertà economica e culturale che caratterizza la contemporanea Europa occidentale (il periodo appena scritto è un paradosso).

Il tacito accordo tra i media e la popolazione che ha accesso ai media sembra prevedere che, vista la mancanza di un qualsiasi tipo di futuro leggibile in chiave lontanamente ottimista, è meglio preoccuparsi dell’immanente pericolosità del presente con l’obiettivo di considerare in percentuali poco inferiori alla mortalità da tumore la possibilità di finire per morte violenta, martiri di una lotta che non è dato sapere a chi appartenga. E possibilmente, durante questa faticosa attesa, cercare di far circolare la maggior quantità di denaro possibile tra un’esternazione di un parere non necessario e l’altra.


L’aria che si respira nelle grandi città è quella di una specie di volontà di cancellare le conquiste del rinascimento per rituffarsi con rinnovata energia in una crociata reazionaria verso l’eccesso di libertà rese disponibili dalla società, nonostante un ventennio di infarinatura a base di serie tv americane. La visione generale che si ottiene guardando dall’esterno l’evolversi delle cose somiglia in maniera curiosa alla leggenda del cervello del dobermann: una massa in crescita oltre le capacità della sua scatola cranica che provoca intensi attacchi di rabbia.

mercoledì 11 novembre 2015

Oroscopo di Novembre

ARIETE

commenti le vicende della cronaca sui social network con una delicatezza e un attaccamento che non ti appartengono; cerca di migliorare gli aspetti della tua vita sentimentale e relazionale in generale.

TORO

Non ci sono particolari controindicazioni all’affrontare l’esistenza con un briciolo di serenità in più, ma il tuo caso potrebbe benissimo rappresentare l’eccezione che conferma la regola.

GEMELLI

rappresenti nella tua mente un universo in totale contrasto con la realtà fattuale delle cose; disimpegnati dalle faccende mondane e continua a dedicarti ad un silenzioso lavaggio del cervello.

CANCRO

potresti cercare di tirare fuori il meglio da ogni persona, dedicando una grossa fetta del tuo tempo all’impresa di migliorare il mondo; in questi giorni prova a dormire meno e a peggiorare il tuo umore.

LEONE

la tua natura ti porta spesso a confondere i capricci con i naturali bisogni, negandoti la soddisfazione del meritato guadagno; comportati in maniera più scorretta con i tuoi colleghi o con gli amici.

VERGINE

la debolezza dei malanni di stagione non ti impedisce di giudicare con severità ogni avvenimento che colpisce la tua sfera sociale; considera seriamente di dare una possibilità all’omeopatia.

BILANCIA

spesso ti capita di vivere con malessere le situazioni di vita più banali, il che ti porta a sottostimare la qualità della tua esistenza; aiutati trattando il prossimo con supponenza e superiorità.

SCORPIONE

cerchi di godere al massimo della tua nuova situazione esistenziale separando con cura il lavoro dagli affetti; persevera nel cercare il meglio della gente contestualizzando ogni situazione.

SAGITTARIO

insegui la felicità cercandola nelle piccole cose, senza preoccuparti delle conseguenze delle tue azioni; prova a spostare l’asticella delle ambizioni un po’ più in alto per provare a pentirtene sul serio.

CAPRICORNO

immagini una esistenza telecomandata, il cui andamento dipenda solo da batterie al litio; comportati in maniera meno umana e prova a trasformare in realtà la tua fantasia.

ACQUARIO

la probabilità che i tuoi piani vadano a buon fine sono sempre pari alla tua volontà che le cose funzionino; provvedi a dare uno slancio alle tue relazioni seminando zizzania.

PESCI

commetti il solito peccato di egoismo escludendo dalla tua vita chi sta bussando in continuazione; prova a testare la tua umiltà aprendo, o chiama i carabinieri.

martedì 6 ottobre 2015

Compatibilità tra AutoCAD per mac e OSX El Capitan

Oggi dedichiamo un post agli utenti mac che si occupano di architettura o che per lavoro hanno bisogno di adoperare il celebre software di disegno assistito AutoCAD.
Avete appena aggiornato all’ultima release di OSX “El Capitan”? Ottima mossa, considerando che le prestazioni generali del sistema presentano un sensibile miglioramento; ma, come abbiamo ormai imparato a nostre spese, spesso gli aggiornamenti messi a scaricare in maniera repentina presentano grossi problemi di compatibilità del software di terze parti che spesso e volentieri adoperiamo per ragioni di lavoro. Ebbene si, nonostante ormai il sistema operativo desktop di Apple venga rilasciato in numerose versioni beta pubbliche prima del rilascio ufficiale, spesso le software house sembrano rispondere lentamente alle novità introdotte, causando fastidi e anche crash ad applicazioni che per l’utente possono essere di vitale importanza.
 

Sembrerebbe questo il caso di AutoCAD per mac, nella versione 2015.

Dopo l’aggiornamento del sistema operativo, l’avvio normale dell’applicazione di autodesk non presenta problemi in apparenza, salvo provocare numerosi crash ogni qualvolta proviamo ad aprire un file di lavoro già salvato. ebbene una soluzione piuttosto semplice risulta essere quella di, una volta avviata l’applicazione, cliccare il menù a tendina “AutoCAD 2015” e selezionare la seconda voce: Reset AutoCAD
reset autocad
autocad su elcapitan
Questa procedura non è del tutto indolore, in quanto vi obbligherà a reimpostare i vostri parametri di preferenza per il disegno, ma almeno vi permetterà di continuare a lavorare normalmente col nuovo sistema operativo e senza impedimenti dovuti a crash dell’applicazione.

giovedì 30 luglio 2015

Come far funzionare un mi band falso

Sarà capitato sicuramente a molti di voi di effettuare acquisti on-line sul sito di amazon, e a qualcuno di voi sarà anche capitato di ricevere un prodotto difettoso o addirittura non originale: talvolta quando ci si affida a venditori esterni possono capitare episodi del genere. Proprio come è successo a me nel momento in cui ho acquistato un braccialetto contapassi importato dalla Cina, l'economico xiaomi mi-band. Quando finalmente, dopo diverse settimane, mi viene recapitato a casa il pacco, scopro con grande disappunto che non si trattava del prodotto originale, anzi: mi trovavo di fronte al famigerato clone cinese di un prodotto cinese che viene riconosciuto dal bluetooth del telefono con il nome di iCre Band.


Dopo aver effettuato tutte le operazioni di reclamo del caso al venditore e ad amazon stesso, mi sono ritrovato con questo braccialetto fasullo ma che ad ogni modo avrebbe dovuto essere un contapassi con funzione di monitoraggio del sonno. Armato dunque di curiosità e pazienza, avendo un po’ di tempo libero a disposizione ho deciso di scaricare l’app cinese che lo scarno libretto di istruzioni indicava: Dulife.


Dal mio iphone 4s vado quindi a scaricare dall’app store Dulife,una app che si presente interamente scritta in cinese che al primo avvio si presenterà con una schermata che presumibilmente richiede di inserire un user e una password. 

Si, ma con quale account? Dopo diversi tentativi a casaccio ho capito che l’unica soluzione praticabile era quella di creare un account QQ (il pinguino in basso al centro nell’immagine), collegabile all’app, col quale accedere alle funzionalità del software.



Compilate tutti i campi richiesti e una volta completata la registrazione, controllate la posta per l’email di attivazione, che probabilmente si troverà nella cartella dello spam.
Nella schermata iniziale di Dulife tappate il pinguino in basso al centro e inserite in ordine nome utente e password, poi tappate il tasto verde e se il cinese vi spaventa ancora ricordate che la posizione dei tasti segue le linee generali dettate da apple (per quanto riguarda l’app per iphone).



Una volta effettuato l’accesso scopriremo che c’è una scarna traduzione in inglese delle funzioni, il minimo indispensabile per effettuare l’accoppiamento del braccialetto e orientarci decentemente tra le funzioni. 

Come funziona? maluccio. Il conteggio dei passi è ampiamente sovrastimato, può servire solo come riferimento, e anche il controllo del sonno sembra scegliere un orario a caso per attivarsi e disattivarsi. Alla fine resta la soddisfazione di far funzionare un oggettino altrimenti del tutto inutile.

lunedì 27 luglio 2015

Spiegami tutto


Avevo intenzione di creare un sito apposta per inserire dei tutorial su come risolvere problemi di qualsiasi tipo che mi sono capitati nell’esperienza di ufficio, ma ho scoperto che non ho abbastanza pazienza per farlo.
Non ho la pazienza necessaria per spiegare le cose alla gente punto a punto, sono il tipo di persona che interrompe il processo evolutivo della razza, per noia fondamentalmente. Questa constatazione, o scoperta, mi ha aperto ad un mondo di responsabilità completamente nuovo: io sono ciò che non sopporto, e spero veramente che siano in molti ad essere nella mia stessa condizione.

Scopro di essere quella persona che piuttosto che spiegarti un procedimento per portare a termine un’operazione, lo fa al posto tuo, con la speranza di avere a che fare con una persona molto ricettiva, che in seguito riesca ad agire in autonomia e magari sorridendo mentre dimostra devozione per il resto della sua vita lavorativa.
In realtà tutto ciò potrebbe semplicemente tradursi nel fatto che applichi poco metodo in quello che faccio, e l’essere naif nella vita come nel lavoro risulta essere un esercizio estemporaneo e poco remunerativo, che trasforma in noia l’incapacità di farsi capire, probabilmente.

venerdì 24 luglio 2015

Open letter to NASA

Hi, this is Roberto writing from Naples, Italy. 

I was flabbergasted to read you claim to have found the so called "second earth" in Kepler 452b.

From what I read from Italian newspapers, this planet is a great place to be. I however have a simple question: how the fuck are we supposed to get there?
Is there any chance in an acceptable time range that humans get there? if yes, how are we supposed to get there? How long would it take? Do you think we'll make it there before superman gets here and kicks our asses?

best regards,
Roberto